Roberto Esposito - Facebook unfriend coal

 

Sono un sostenitore di Greenpeace da molti anni e spesso ho preso parte a campagne di protesta come cyberattivista, per denunciare in maniera creativa i problemi ambientali e promuovere soluzioni per la salvaguardia del nostro pianeta.

Pochi giorni fa, in seguito alla riuscita del mio record mondiale, sono stato contattato da Greenpeace International che mi ha proposto una collaborazione per offrire un contributo più consistente alla loro campagna “Facebook: Unfriend coal“.

Ho immediatamente accettato l’invito perchè credo che Facebook, oltre ad essere una delle società leader della rete, possa diventare un punto di partenza e un esempio per una rivoluzione energetica a livello mondiale.

Le aziende IT (Information Technology) stanno aumentando rapidamente il loro consumo di energia, trasformandosi in uno dei settori a più alto consumo di energia elettrica. La quantità di elettricità richiesta per alimentare Internet basterebbe a piazzarlo al 5° posto fra i Paesi che consumano di più al mondo.

Greenpeace lavora nel settore dell’industria IT da più di cinque anni, cercando di spingere le aziende verso più alti livelli di sostenibilità. Il largo consumo di carbone da parte di Facebook è indicativo della crescita della domanda di energia a livello globale.

Facebook ha di fronte a sé l’opportunità di guidare la svolta, estendendo il suo spirito innovativo al settore ambientale: potrà così dimostrare che le imprese possono crescere in sintonia con l’ambiente servendosi di energie pulite. Con questa campagna di protesta cerchiamo di superare il record mondiale di 50.000 commenti in 24 ore, per chiedere a perciò Facebook di impegnarsi entro l’Earth Day, 22 aprile, a mettere in atto le seguenti richieste:

  1. Aumentare l’uso di energia pulita per diminuire le emission di CO2;
  2. Sviluppare un piano per abbandonare il carbone entro il 2021;
  3. Informare gli utenti sull’energia usata e sul suo impatto ambientale;
  4. Promuovere l’uso di energia pulita a livello nazionale e internazionale.

Il tentativo di record durerà per tutta la giornata di oggi, 13 aprile 2011, mentre tutti i commenti pubblicati nei giorni successivi non saranno contati: per aderire basta visitare la pagina http://www.facebook.com/unfriendcoal e lasciare uno o più commenti all’interno del post “ COMMENT HERE NOW for the World Record attempt, and share!” esprimendo i vostri pensieri e la vostra richiesta a Facebook di passare alle energie pulite (se volete, specificate che siete utenti italiani!)

Aggiornamento del 14 aprile 2011

L’iniziativa è stata un grande successo: in 24 ore i sostenitori di Greenpeace hanno postato oltre 80.000 commenti, in almeno 11 diverse lingue! Facebook sta compiendo dei passi in avanti nell’efficienza energetica, ma ancora usa data center alimentati con energia nucleare o carbone e non ha un piano d’abbandono di queste fonti a favore di quelle pulite e rinnovabili.

Questo record mondiale dimostra chiaramente che le persone vogliono un Facebook più verde. Gli utenti del social network vogliono che l’azienda diventi protagonista di una nuova rivoluzione energetica, impegnandosi a far funzionare i suoi data center con energia da fonti pulite e rinnovabili, abbandonando carbone e nucleare.